La disoccupazione aumenta nell’Eurozona

Mentre in Italia fa discutere il dato record della disoccupazione giovanile – 37,1% nella fascia 15-24 anni – la situazione nell’Europa a 27 non è tanto più confortante. Il breve articolo che traduciamo dal sito del Council of Forreign Relations mette in luce come la situazione dell’Eurozona non lasci immaginare nulla di buono, dal punto di vista del lavoro, per l’anno appena iniziato. Certo la situazione cambia molto da paese a paese: si va dal 26,6% della Spagna al 5,4% della Germania, ma è il valore medio a preoccupare gli analisti, consapevoli del carattere continentale del problema.

Il commissario al Lavoro dell’UE, Laszlo Andor, ha ad esempio sottolineato come l’effetto combinato degli alti tassi di disoccupazione e delle misure di tagli alle spese nei paesi maggiormente colpiti dalla crisi del debito lasciano immaginare che sarà ancora più difficile – stanti queste politiche – trovare una via d’uscita dalla recessione.

La disoccupazione nell’Europa a 27 ha toccato un nuovo picco massimo ( Financial Times ) del 11,8 per cento nel mese di novembre, mettendo in evidenza lo stato disastroso dell’economia, a dispetto delle speranze di una graduale ripresa per quest’anno. Circa 26.000.000 di persone erano senza lavoro nel mese di Novembre, pari al 10,7 per cento della forza lavoro. Il più grande aumento (Associated Press) della disoccupazione nel corso dell’ultimo anno ha avuto luogo in Grecia, dove la disoccupazione è schizzata al 26 per cento nel mese di Settembre, anche se il più alto tasso complessivo è stato in Spagna, al 26,6 per cento nel mese di Novembre. Le cifre riflettono un’economia pericolosamente fragile, nonostante un miglioramento dei mercati finanziari e gli indicatori economici di lungo periodo avessero suggerito che la fase acuta della crisi del debito sovrano in Europa poteva stare volgendo al termine.

“L’economia della zona euro si è contratta nel secondo e terzo trimestre dello scorso anno, e l’aumento della disoccupazione si aggiunge ad altre recenti evidenze suggerendo che anche per gli ultimi tre mesi del 2012 sarà segnalata una contrazione. Né questo è probabilmente l’ultimo aumento del tasso di disoccupazione , dal momento che i governi tagliano posti di lavoro e le aziende rimangono riluttanti ad assumere a fronte di una domanda stagnante e in mezzo a una perdurante incertezza circa le crisi fiscali e bancarie della zona euro “, scrivono Paul Hannon e Alex Brittain per il Wall Street Journal.

“La BCE è stata più volte spinta all’azione dall’aggravantesi crisi del debito in Europa nel corso degli ultimi tre anni, ma ha ottenuto un po ‘di calma solo con la sua ultima, non ancora verificata, la promessa di acquistare obbligazioni emesse da Stati che cercano un piano di salvataggio ufficiale. Le aspettative che le tariffe saranno lasciate invariate dopo l’incontro di Giovedì sono supportate dal buon inizio d’anno per le obbligazioni a rischio dell’eurozona dopo il tardivo accordo per evitare una crisi fiscale negli Stati Uniti “, scrive William James per Reuters.

 

This entry was posted in Europa, General. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *